sabato 8 luglio 2017

Si (auto)costruisce per...


Ne parlavo ieri con un caro amico, compagno di sogni e progetti e di piani tecnici vari, sempre riguardanti la nostra Passione/Ossessione: la Radio.

Si costruisce per tanti motivi, non sto qui a elencarli, non mi interessa affatto, ma una cosa mi colpiva davanti alla realizzazione di un nostro altro amico, anche lui dedito al "faccio da me, con le mie mani": a me non emoziona molto la realizzazione super professional, anche se la ammiro comunque e la rispetto, ma...alle volte sembra come se si costruisca per fare, per sentirsi un po' bravini, ma poi, la cosa si metta là: "l'ho fatta, mi sento soddisfatto e basta così", ora passo oltre.

Avevo, ho avuto UN Maestro: I0BLA, ne ho scritto, ora è SK, ma certe cose me le ha lasciate e vivono in me, e lui quindi continua la sua strada, anche se io non sono manco degno di sognare di imitarne la maniera, ma...qualcosa ho imparato da lui. Lui faceva, costruiva anche cose nuove, che so, provava il PLL (parliamo degli anni 70/80) per imparare e capire le problematiche e risolverle, e crescere, con la sua sete di sapere e capire. Faceva, pochi sapevano, e poi usava, ovvero metteva là a disposizione di quando avrebbe usato quella determinata apparecchiatura, ma aveva un motivo, un senso. 
Non era tanto per giocare.

E' vero che anche il "gioco" ha senso, il gioco tecnico, ma non mi piace, non lo sento nella mia anima di OM, di Radio-Amatore, di sperimentatore, di esploratore. NO!
Il gioco è il percorso, il divertimento sta anche nello studiare per fare, nel progettare e calcolare, e anche nell'usare per comunicare a distanza (quanta essa sia non importa), ecco nell'USARE!

Molti fanno per mostrare, per mettere là in mostra ed esporre quando viene a casa un amico e di-mostrare a lui (ma poi in fin dei conti a se stessi) quanto si è stati bravi, quanto si è abili. Un po' come quelli che collezionano apparati e ne hanno a bizzeffe e manco li accendono ovvero lo fanno per non mandarli in malora, ma non li godono mai.

Questo non mi piace, non mi appassiona.

Per me la Radio, la radio che faccio io, e che forse non è proprio perfetta, forse non è proprio bella come la commerciale (ma lo shack di PA3GSV dimostra il contrario!), mi serve per comunicare e per vedere cosa fa, cosa riesco a fare con....fin dove si ariva con....ma certo non mi sento più bravo di...o che ce l'ho più lungo se....
E' qualcosa di intimo, di strano ed indescrivibile, ma che sento e capisco, è vivo e arde da...molto molto tempo, da oltre 40 anni e continua ad ardere, sotto sotto, come brace ben accesa, ma silenziosa.

E allora bello ammirare quel che altri fanno, ma mi interessano le idee, le motivazioni di scelte tecniche, poi se uno è bravo a fare la parte meccanica come Jan PA3GSV, ben venga e bel risultato, se uno è un po' arruffone come me...pazienza, ma la soddisfazionoe di fare QSO con quell'oggetto rimane unica, individuale, perticolare.

La Radio non è accumulare altre radio, metterle là per sentirsi forti. Come l'arte non è riempirsi casa di quadri o statue e mostrarle, finanche a se stessi. La letteratura non è avere una biblioteca personale ricca, no!
No, si tratta di FARE, magari male, ma FARE per FARE...QSO!

Questo per me. :)