giovedì 26 novembre 2015

E' fatta, è andato


...l'FT817 è andato!

Il compagno di molte avventure, di Radio-Avventura, è andato via, e con lui un periodo della mia storia in radio. 
Ci ho messo del tempo a decidermi definitivamente, a mettere in pratica un proposito coraggioso, lo riconosco: non ho più apparati commerciali se non tre RX ma che hanno oltre 70 anni ognuno. Quando si intraprende una strada si deve andare avanti e ogni ripensamento non serve. 
Importante è non fare le cose sull'onda della moda, della rabbia, delle emozioni in genere, bensì farle ragionandoci ed ascoltando se stessi nel profondo.

Per me la Radio commerciale ha fatto la sua epoca, nel MIO modo di fare Radio. 
Non ha più senso, se non quello di farmi sentire in un certo modo, ma non è quello che mi soddisfa e che mi dà soddisfazione intima, non come ego, bensì come RadioAmatore...perché io mi sento e desidero ESSERE un RadioAmatore e non un utente.

L'FT817 è servito, a gioire del connubbio fra i due amori materiali della mia vita: la Radio e la Montagna; è servito a vivere quella stagione straordinaria che mai più si ripeterà e che rimane nella storia (quella sì) della radio con l'etichetta di "Radioavventura". 
Ora tutto quello è finito, nessuno può resuscitare Lazzaro, nessuno può illudersi di far rivivere qualcosa che aveva senso ed ha avuto un valore immenso per chi ha avuto la fortuna di viverla: ora si deve fare largo e darsi da fare ad altro, a crescere in altro modo.

La Radio e la Montagna sono un connubio per chi ama entrambi, non sono fatti per mettere in mostra call in cima a classifiche, o imprese alpinistiche che hanno senso solo in UN ambito. Ci sono call che sono durati UNA stagione, gente che poi visto che non prendeva premi o non poteva essere sempre prima si è disamorata, stancata...
Ma come ci si può stancare di una Passione?

Il sedicente rappresentante italico del sota vuole essere unico, vuole stare lui in cima, non accetta altri sullo stesso spazio della cima; altri hanno velleità alpinistiche e di Radio, e come risultato ci si è divisi, inutilmente. 
Bell'esempio di Ham Spirit, ora portiamolo nel CD ARI questo modo di fare...hi

La Monatga deve unire, la Radio a maggior ragione anch'essam, deve unire, ma quando si parla solo di comprare e urlare in un mcirofono o battere forsennatamente su un keyer, cosa si unisce?
Ma si sa, l'arroganza di tanti sotterra la Passione di pochi e quindi chiudo con questo tipo di attività, che di radiantistico non ha NULLA, ha solo a che fare con l'invidualismo mascherato da aggregazione.
L'817 ha avuto un senso, molto, ma è andato, via, finito!
Per me.


Ora c'è altro, c'è spazio per autocostruire magari robette piccole da portare sui monti, o tra i boschi, buttare un filo e trasmettere come quando durante la WWII facevano rischiando molto, coloro che usavano un Paraset, oppure provare a fare un monotubo e vedere se con quello faccio quel che facevo con 5 BJT, fregandomene dell'SWR....o ancora altro... riprendere concetti tecnici abbandonati perché...il progresso esigeva di andare oltre, risturdiarli e sperimentare per limare e vedere se realmente si era raggiunto qualche  top, oppure non si era semplicemente messo da parte qualcosa che prometteva...

Ora qui c'è altro: Rohde & Schwartz ha fatto un RX tanti anni fa, Carlo I2AMC lo aveva rimesso a punto, come uno Stardivari e lo Stradivari non ha età; ora questo particolare violino è qui passato per IZ2CQI, e mi allieta e non rimpiango il piccolo, portatile 817, sono due cose ben diverse, solo io sono sempre lo stesso e oggi più che un tempo sento di voler vivere l'essere OM e ringrazio di poterlo fare, finché posso :)



Nessun commento: