mercoledì 21 ottobre 2015

Autocostruzione



Parlavo giorni fa con un caro amico, poi con altri: insomma, ci si confronta e si riflette, si impara, si pensa, si cresce, come esseri pensanti dovrebbero fare, forse...
Riflettevo sul fatto che un amico mi ha detto "tu hai molta roba vintage", dopo che avevo io spiegato che cerco componenti che ormai sul mercato non si trovano più (ad esempio i supporti di ceramica per bobine, ovvero le medie frequenze, trasformatori per HV, ecc.) così facilmente o a prezzi onesti, ovvero che scelgo di usare radio in cui posso, all'occorrenza mettere le mani, e che rifiuto ormai quasi in toto, l'essere passivamente asservito all'oggetto Radio, nel senso che lui è là, misteriorso e intangibile, difficile anche da aprire, di sicuro con ernome difficioltà nel capire quali componenti e dove, possano danneggiarsi, non dico, poi se parliamo del software.

Sono e mi sento un RadioAmatore e non un radio-utente, da sempre ho amato il mettere le mani dentro, l'aggeggiare ed eventualmente anche di modificare a mio piacere o necessità gli oggetti che uso nella mia Passione. Ora il tempo e i suoi cambiamenti, non sono gestibili dal singolo, lo so bene, adoperare radio per cui se malauguratamente ho un guasto qualsiasi, un malfunzionamento, debba essere soggetto ai vari "service" che non sempre sono affidabili, e di sicuro non economici, mi dà profondamente fastidio.
Inoltre come ben scrive l'amico Fabio IK0IXI, "le radio per radioamatori sono dei compromessi", non mi si venga a dire che sono oggetti studiati per eccellere (a parte le pubblicità e i report pilotati ad hoc, validi solo per i creduloni), e quindi se desidero prestazioni serie non ho altra scelta: fare da me stesso.
Ridurre le dimensioni, miniaturizzare, forse non riesco a farlo bene da solo, ma quanto REALMENTE, della miniaturizzazione, del cosiddetto "progresso tecnologico", migliora e semplifica la mia attività Ham?
Oppure, è una apparenza, che mi fa apparire come miglioramento il fatto di avere certe "utility"? 
Ad ognuno scegliere, ma per scegliere si deve avere modo di ragionare, si deve avere un cervello che funzioni e gli elementi di giudizio: gli antichi credevano che il fulmine fosse un egno divino di malumore, per ignoranza; si riteneva (credo che alcuni lo pensino ancor oggi...ahinoi) che certe malattie epocali fossero altresì delle punizioni, e tutto per ignoranza.

Quanto una modulazione HiFi mi migliora la mia attività di Radioamatore? O migliora soltanto quella di persona che chatta in radio? Esattamente come una "tastiera ergonomica" di un PC....!

Allora, se il commerciale, il "già fatto" mi porta a soccombere, a dover soggiacere a certi diktat, io posso solo agire per me stesso: costruire in proprio, fare forse meno QSO, forse penare più tempo per arrivare ad avere una buona manipolazione (ma a questo può invece servire la conoscenza tecnica, lo studio, l'applicazione, anche la documentazione, quella anche di Internet che non è, però, il perdere tempo dietro ad una tastiera o su FB a osservare quel che altri fanno o scrivono, bensì un crescere come individuo pensante), forse pagare un prezzo apparentemente maggiore delle varie migliaia di euro che paga chi ad esempio acquista (magari per rivendere dopo poco) un KX3, ma un prezzo che è niente, se messo in conto con la gioia, l'entusiasmo e la soddisfazione provati nel fare anche UN SOLO QSO, ma con le forze mie, con il risultato del mio costruire, del mio assemblare.

Allora quella roba vintage che ad uno sguardo superficiale sembra una accozzaglia di vecchiume, a me dona una serenità assai maggiore di quel che sempre a me stesso, ha donato il conseguire un piazzamento in cuna qualsiasi classifica di diploma, o il vedere pubblicata una foto di una mia operazione.

Dobbiamo fare MOLTA attenzione: pubblicare resoconti, schemi, foto e quant'altro ha avuto senso ed HA SENSO VERO, anche OGGI, se serve a CONDIVIDERE: condividere vuol dire OFFRIRE, anche gratuitamente, per mettere in comune, la conoscenza acquisita, l'esperienza maturata e quant'altro, con amici, colleghi, persone degne quanto noi.
Non significa mettersi in mostra.
Invece lentamente, inesorabilmente e con la complicità ed il silenzio di tutti noi, è diventato un mettere se stessi in vetrina, su un alcoscenico, a ricevere il plauso, l'ovazione e solleticare e soddisfare l'ego.

NO!

Allora va recuperato questo senso, e per farlo ci vogliono consapevolezza ed intelligenza, e riflettere e ragionare; non serve il vivere di reazione a stimoli consumistici ed esterni, bensì il  Vivere in proprio, di quel che capiamo essere un senso vero di esistere. 
Questo vale nella vita sociale di ogni giorno, nel QRL, nella famiglia, specie con chi ci segue nel cammino di vita, e vale NELLA RADIO.

Se questo volesse anche dire perdere adepti, molti dei cosiddetti membri di un gregge virtuale , ci sarebbe poco da perdere, ma ci sarebbe da recuparere e godere di un senso prezioso di una attività e di un "modo di essere" che è stato prezioso ed apprezzabile, unico forse, sicuramente molto molto importante e gratificante dell'animo di chi ha avuto la fortuna di viverlo: quell'Ham Spirit di cuisi legge tuttora su certe riviste un po' datate.

Non è un canto nostalgico di creatura agonizzante, il mio, bensì anelito e speranza e preghiera di chi vorrebbe usare del progresso che tutti abbiamo guadagnato nella nostra esistenza, per migliorarci come Esseri Umani e come Creature degne di tal nome e non come saccheggiatori di esistenze degli altri simili.

E se a tutto questo è funzionale l'utilizzo anche di tecnologia che solo all'apparenza può essere obsoleta (non credo che a caso l'ex URSS mettesse a bordo dei suoi Mig 29 apparati NON a stato solido!), ben venga e mi spiace per chi pensa che tutto ciò non abbia senso.

A me l'annuncio divendita per "cessato interesse" non uscirà mai di bocca o di penna, e se dopo oltre 40 anni ho entusiasmo maggiore che nel 1973, beh, posso stare abbastanza tranquillo.... :)

Dimenticavo: l'uso del legno che forse dieci anni fa anche io stesso avrei disdegnato, oggi non mi pare affatto fuori luogo, in aria non andiamo a discernere se il segnale deriva da un DDS o da un MOPA a tubi o da un mono-transistor ovvero da un apparato commerciale.... 
e allora?....... hi




Nessun commento: