sabato 8 agosto 2015

Una dose di benessere


L'altro giorno giovedì pomeriggio sono riuscito a ritagliarmi qualche ora di sana saldatura e autocostruzione e modifica.
Purtroppo per adesso soltanto su un tavolo di cucina, quindi con l'avviso, a fine operazioni, di dover rimettere tutto a posto, eppure è stata una vera dose di bene, di serenità e di ritorno alle origini.

Quando l'homemade ce l'hai dentro, nel DNA, non lo estirpi con nessun Icom da 12000 Euro o con un DX famoso, ne ha veramente necessità per respirare, per vivere da OM e soprattutto sentirti Vivo, vero, esistere e non sopravvivere arrancando fra un gadget e l'altro alla disperata ricerca di quel qualcoasa che ti dia pace, quando la pace la devi trovar dentro te stesso!


Le modifiche in realtà sono assai semplici, oserei dire banali per chi sa e vuole mettere le mani NELLA Radio, ma la soddisfazione non solo dopo, ma anche e fiorse soprattutto DURANTE, sono state immenso, e non sto esagerando.

Mettere le mani, smontare, stando attgenti alle vitine da non perdere, ai fili da non staccare ed alle saldature già presenti da non danneggiare, inrtervenire su un PCB preesistente, aggiungerci anch solo un filo, dissaldare un quarzo, ecc. sono quelle cose banali, semplici, ovvie, che non portano glora, che non sbandieri ai quattro venti per dire "ehi guardate come sono bravo!" eppure dopo, ne senti il beneficio, ne paghi le favorevoli conseguenze e ti senti in pace con te stesso, con quel tuo istinto che ti porta a desiderare aprire, frugare e vedere e....mettere il saldatore...

Il Russo 326 ricevea i segnali in CW QRP sotto, in 10, 14 e 7 MHz, mentre lavorarvo: c'è chi mette musica io metto la mia...


Non c'era DSP a migliorarare la rticezione, non c'erano filtri Sherwood, solo il suo filtraggio, stretto, credo a 300 Hz di IF, ma quel fruscio di fondo, quei segali ricevuti e che facevano da culla al mio giocare al mio gioco, tutto ha concorso ed ha messo insieme quel puzzle che per un OM si chiama autocostruire e star bene.

Ora le prove sono andate bene, la'ntenna che era una ventina di filo poggiato su una rete metallica, va, fa ricevere, sono in collegamento col mondo, sono...online...

Questo mi serviva, il resto, contest, QSL, punti, ultimo ritrovato del mercato, ecc. fa parte di un mondo sempre più lontano, non so se per fortuna o meno, non traccio confini, ma questo so bene, che sono altrove.

Go ahead OM!

 

Nessun commento: