sabato 11 aprile 2015

L' "Essenza"


Nel sito web Masteroscillator, un amico , forse uno degli "ultimi Mohicani" del Radiantismo (siamo pochi ahimé), ha scritto parole molto sagge anche se all'apparenza dure, ma la verità, alle volte può apparire dura, anche se poi è l'unica cosa che ci rende veramente liberi.

"
Commercial radios are enemy to real Radio-activity. They make you lazy. They bring unnecessary stuff between the Operator and the Ionosphere. They hide, most of the time, the absence of curiosity by the Operator. Absence of curiosity for knowledge and of eagerness of real, deep, Radio-experiences.
Ripeto, all'apparenza quest'affermzaione può essere letta come eccessivamente dura, EPPURE, eppure è vera, e se siamo sinceri è questa una dura realtà con cui fare i conti.
Serve una più che ferrea Passione, un sincero e profondamente radicato INTERESSE, PASSIONE, CURIOSITA', verso il conoscere, fare esperienza, indagare con la mente, con il proprio curiosare e sperimentare e confrontarsi, per poter sopportare e resistere al suono mellifluo e perversamente  incantatore delle sirene del "già fatto", del "pronto all'uso", anche in campo radiantistico: esattamente come quelle immagini di cibi (precotti) appetitosi e fumanti che ti fanno venire la fame solo a vederli, e poi, invece, sono pregni di conservanti e tutto hanno tranne che il sapore vero e genuino dei cibi rappresentati ...solo in figura.


Prosegue questo poeta/profeta:
"
Homemade radios are the final expression of someone that wants to be a protagonist. Whatever their technology and their limitations, they put the owner/builder into another dimension.
And they bring a satisfaction that cannot be reached otherwise.
Nulla di più vero poteva essere scritto e detto e se indaghiamo dentro noi stessi, noi che siamo stati baciati dalla fortuna di "dover" autocostruire, quelle parole sono l'inno alla vita del uso del saldatore, non dico a oltranza, ma quasi.
E Vivere è solo uno, è questo, il resto, è solo SURROGATO.


E ancora:

 "
Certain things to me are not negotiable. One of those for sure is the meaning of 'Radio Amateur'.  Those that build their own radios are the only ones having the right of being entitled Radio Amateurs. No others. Holding a licence for transmitting does not mean anything to me if the Essence lacks, and for it I mean all what I say above. Full stop.
"


ESSENZA, questa la parola, questo il concetto: l'ESSENZA, e questo vale nel mondo della Radio come nella Vita, materiale,  spirituale, morale.
L'Essenza, la barattiamo per un presunto benessere, per le comodità, che senza che ce ne accorgiamo, giorno dopo giorno, ci imbastardiscono e legano stretti al...nulla, al vuoto.

Nella Radio ESSERE RADIOAMATORE è qualcosa che non deve per forza aborrire dall'uso di apparati commerciali, se per tali intendiamo apparati di cui ci sia una conoscenza reale, una assenza di terrore anche solo ad aprirli, se sappiamo cosa fanno, se siamo consapevoli di come funzioanino: Non dico al rogo il commerciale, anzi, tutt'altro: un Ricevitore R&S EK07 ha un fascino ineguagliabile, altrettanto un Collins 390, o un Simens E311, e così via.... ma un FT5000? Quale REALE fascino ha? Quello di premere pulsanti e far apparire menù da settare...? E poi?
E poi TU, presunto radio.amatore, dove stai? Cosa fai? Che ci stai a fare? A riempirti la bocca di parole e la casa di cartoline, e le pareti di diplomi, e il tuo ego di NULLA.... perché nulla eri e nulla sei... se ti levano quel presunto gioiello dalle mani. Cosa rimane di te?

NULLA!

Io, per fortuna, ho avuto la "sfortuna" di non avere soldi all'inizio della mia carriera OM, tanti anni fa, di avere il piacere di mettere le mani dentro e nemmeno la paura di rompere. IO oggi un oscillatore Pierce, so cosa sia, come funziona e come si fa.
La sfortuna di allora è il mio tesoro di oggi!...

L'Essenza sta qui.

 

 

Nessun commento: