mercoledì 3 settembre 2014

Chas I0XXR



Ho conosciuto Giancarlo quando ancora non era I0XXR, ma tornava alla Radio dopo tanti anni: si era fra la fine del 1978 e i primi del 1979.

Attendeva il “suo” nuovo call e nel frattempo mi ha fatto da II operatore...

Non sapevo ancora che grande Persona era Giancarlo, l'avrei scoperto nel tempo.

Ero fresco di licenza io, l'avevo da pochi anni, ero uno studente ancora e avevo pochi soldi e trasmettevo poco: un VFO Geloso G4-102, una 807 finale e un RX Geloso G4-220: lui comprò di lì a poco un FT101 e con quello riprese a trasmettere.

Conobbi tramite lui il famoso BUG della Vibroplex che aveva riesumato dalla scatola in cui gelosamente lo aveva conservato per anni e lentamente riprese e si ritagliò un posto di eccellenza nel mondo Ham e specie in quello degli amanti del CW.

Per me è stato una sorta di padre putativo, anche se lui non lo ha mai saputo, mai c'è stato modo di dirsi certe cose, ma la Radio fa anche questo e al di là dei QSO, quello che regala è un insieme di Persone, tra cui alle volte troviamo Amici e/o anche qualcosa di oltre, di più.... per me Giancarlo è stato questo “oltre”.

Ci siamo frequentati e anche allontanati perché la vita questo porta, ma sempre risentendoci, tornava quella confidenza che ci aveva uniti nei suoi “primi” anni da “neo-OM” come scherzosamente dicevamo fra noi.

Ricordo anche che scrivemmo a quattro mani un articolo per Radio Rivista e oggi capisco che grande onore sia stato quell'episodio.

Ci sono stati il montaggio di diverse antenne (la famosa “Zepp” come lui soleva dire, la tre elementi Hi Gain, e così via) una vita costellata di quegli episodi che solo fra OM Old Men) e non fra meri amanti della radio come hobby esistono e cementano un rapporto, una Vita e c'è stata anche la vita fuori dalla Radio, i figli, la moglie Piera, sempre gentile con me a cui dava del lei.... mia mamma che conobbe questo mitico Giancarlo, c'è stata una vera esistenza di due persone.



Mi sono anche allontanato da Roma, ma ogni volta che per telefono cercavo Giancarlo, tornavamo come se ci si fosse salutati il giorno prima.



Dovevo andarlo a trovare, lo avevo sentito indebolito poco tempo fa, lui che anche a quando aveva 80 anni passati andava da Roma a Monterotondo in auto per lavoro, il suo lavoro che aveva a che fare con la grafica, lui che era tutto: un tecnico, un grande fotografo, un bravo pubblicista, un vero OM! 
Ma  non ho fatto a tempo!



Ho sognato per anni, prima dell'avvento di ebay, quel tasto, quel bug, quel nero strano oggetto che nel tempo mi ha portato ad amare il bug. 
Oggi ne ho uno anche io, del medesimo periodo di cui era quello di Gian, e lo uso quotidianamente e mentre batto sulle sue manopole che hanno 90 anni, di questo oggetto che Gian (o Chas come abbreviava il suo nome "in aria") mi ha insegnato ad amare, penso a lui, fugacemente, ma costantemente.



Da orra lo farò in suo onore, perché come dice Al Pacino nel film “Uomini d'onore”, “finché qualcuno fa il nostro nome, noi continuiamo a vivere” ed io onoro un vero amico un quasi-padre un Radioamatore che è un vero Old Man con questo piccolo, banale e personale gesto, mentre dentro me sento un vento fresco eppure vivo e mi piace pensare che Gian sorride osservandomi e seduto alla “sua” Radio ascolta la mia nota “on the air”.



HPE CU AGN DR GIAN

73



de

Al I5SKK ex I0SKK




Nessun commento: