lunedì 9 luglio 2018

Una piacevole sorpresa

Non ho mai usato prima d'ora un risonatore ceramico ma ne avevo solo letto sulle riviste QRP & affini.
VK3YE ne fa largo uso, ma io non mi ci ero mai  misurato, sempre un po' diffidente e perplesso: non sono veri quarzi, chi sa...

Complice il desiderio di costruirmi una supereterodina semplice da usare in portatile su una banda che avesse senso per il QRP e fare non un QSO ogni tanto e complice il possedere una caterva di quarzi a 4,194 MHz, ho deciso di provare a realizzare un VXO (super-VXO, invero nella mia idea) a 6 Mhz, per arrivare ai 10 MHz che ritengo una bellissima banda, dove ci sta solo CW e nessun contest (ultimamente DX espedition in gran quantità, ma ancora si trova spazio anche in QRP e per fare bei DX anche a propagazione apparentemnte chiusa).

Così mi sono procurato dei risonatori a 6 MHz ed ho provato a reqalizzare un VXO. 


 
La prima sorpresa è stata di constatare come non sia affatto necessario usare due o tre risonatori in parallelo come nei super VXO a quarzi, evidentemente il Q meno elevato li rende più "malleabili" anche da soli.
La seconda sorpresa è stata di verificare come con un condensatore variabile da circa 35/40 pF (non l'ho misurato, ma ad occhio direi questo il suo valore) ottengo uno span di oltre 150 kHz senza dover inserire anche una induttanza L in serie al risonatore stesso.
Insomma una piacevole sorpresa del tutto inaspettata ma assai gradita ed utile.

Ho dovuto un po' penare per provare i vari rapporti di C in parallelo ed anche del partitore di base del transistor oscillatore (un normale Colpitts con 2N3904) per arrivare allo span voluto, ma nei limiti di frequenza desiderati e dettati dal valore dei quarzi che usero questa volta XTAL veri, in IF come filtro: 4.194 kHz.
Ma dopo un paio di sere di prove varie su una basetta per forza provvisoria, sono arrivato al giusto e voluto risultato: Df =160 kHz quindi ottimo per la copertura di ongi settore CW di varie bande. Unitamente a vari quarzi (tutta roba che avevo in casa) che userò per fare o battimento di conversione o un normal trasnverter, posso coprire dagli 80 ai 20 m avendo anche gli eventuali 60 m se così sarà. Per adesso mi perdo i primi 11 kHz dei 14 MHz, ma dato che intendo fare un QRP, mi interessava soprattutto la parte alta della banda, qindi va bene, poi se arriverò a trovare il quarzo giusto, sarà anche meglio.

Ho realizzato una scatletta ad hoc usando vetronite (comprata a suo tempo, a kg da Radiosurplus), lavorando di seghetto e lima, ma alla fine ottenendo un buon risultato (per me), in cui ho inserito anche una demoltiplica sempre di recupero, adatta e che con rapporto 1:6 mi consente di avere circa 30 kHz a giro, ottimo per sintonizzare il CW anche a banda stretta.


L'ultima prova è stata quella di verificare la stabilità in frequenza e le reazioni alle variazioni di temperatura.
Nella casetta dove ho il laboratorio/radio, attualmente alla sera dopo una giornata di sole estivo, si sta tra i 40 ed i 50 gradi credo...e quindi ottimo per fare prove di stabilità in temperatura.

Messo in bella copia il circuito, quindi inscatolato e fissato il tutto in modo quasi definitivo, ho poceduto alle misure.
Ho provato ad alimentare il tutto a 12 V e dopo circa mezzora dall'accensione ho riscontrato una deriva attonro ai 40/50 Hz che è già ottimo.  Ho quindi provato il tutto alimentandolo a 9 V e la sopresa finale è stata di una deriva di...2 Hz dopo mezzora dall'accensione che non mi fa rimpiangere alcun DDS.





Il segnale come ampiezza è di 4 Vpp ed avendo un buon buffer (sempre con 2N3904), non risente nella frequenza del segnale emesso, di variazioni anche sul carico. La forma d'onda dignitosa e se proprio servirà aggiungerò un circuito LC, ma questo si vedrà in seguito.

Insomma un circuito semplice, ma affatto di ripiego, che realmente mi sorprende e soddisfa e soprattutto mi gratifica nell'aver voluto provare senza ricorrere all'ormai scontato DDS dove altri programmano (non amo questo settore della tecnica) e quindi non avrei di che mettere mano se non nella parte ciruitale, ma senza capire e sapere bene, come entrare nel cuore del circuito.

Ora si procede sia alla conversione per il TX sia a quella per il RX, ma il duro è fatto, il resto è veramente meno difficile.


Insomma un circuito ottimo, ma soprattutto un componente notevole per cose non sofisticate. Un amico, Fabirzio I0HCJ, usando un risonatore di tale tipo, sui 7 MHz, ha realizzato un preselettore per un RX e copre tutta la banda CW. Ovvio che il Q lo permette, ma chi ci fa un filtro, e magari stretto? nessuno!
Altra carne al fuoco per chi ama costruire e non scappa dalla realtà andando a comprare solo kit già preconfezionati.
Il gioco vale la candela, come spesso accade.


( Dimenticavo: non ho lasciato il lavoro, né accantonato la famiglia, ed ho anche continuato a portare il mio cane a spasso per tre volte al giorno, (di circa un'ora cadauna), nel frattempo, non vivo di Radio, la amo soltanto! )





 

Ma possibile che oggi la radio sia SEMPRE motivo per polemizzare?

Leggo un post che non ha nessuna pretesa sul solito sito usato come riferimento da molti italici utenti radio: la questione è estiva, se la nostra attività sia da considerarsi servizio o hobby/passatempo/ludica.

Credo che solo un cieco o sordo possa negare che nella stragrande maggioranza dei casi si tratti non tanto di hobby o passatempo quanto di "ingannare il tempo" a discutere di modulazioni stereo, di settaggi di PC con la radio o illudersi di fare QSO lasciando il PC comandare la radio e simili. 
Credo che il servizio esista, ma non sia primario, anche se molto importante e direi unico.
Ma soprattutto credo e penso che "essere Radioamatore" sia qualcosa che si ha nel sangue, non serve parlarne e soprattutto accapigliarcisi, quanto VIVERLO.
Si può stare a disquisire mille anni ma non se ne viene a capo.

Usare un Bug (e volutamente non parlo di autocostruire) può essere qualcosa che infonde sensazioni romantiche e bellissime, collegare un normale DL in QRP, riascoltare il proprio eco di ritorno dalla luna, o riuscire a fare andare a modo l'antenna che si è costruita (NON ACQUISTATA), ecc. sono alcune delle tante, infinite, cose che rendono questa attività UNICA.


Però ci deve sempre essere chi va a spaccare il capello in quattro, si offende se si dicono cose che sono sotto gli occhi di tutti, (ma non si possono dire apertamente), anzi va a polemizzare con l'autore del post che potrà avere i suoi limiti e difetti (e chi può dire di non averne? si faccia avanti...), ma almeno è stato moderato e normale nei toni.

Ora la questione, a mio avviso, è questa: ci sono milioni di post imbecilli e idioti, dicono cose così banali e che nel campo amatoriale non ci dovrebbero stare, MA se, per anni, nel campo sono stati tirati dentro a frotte degli ignoranti che usano sbagliare anche l'ortografia (figuriamoci in radio come si eprimono) o che insistono a parlare di "scatolo" usando un gergo dialettale che è solo ridicolo, di cosa ci si meraviglia, oggi ? 
Di avere imbarbarito le bande? 
Di averle riempite di banalità e di nulla?
E i vari soloni o censori dove stavano allora, quando non si è voluto più selezionare in alcun modo chi ha accesso alle bande amatoriali? Che cosa hanno fatto? Forse non potevano fare nulla, forse, allora con chi se la prendono, OGGI ?
Non parlo dell'esame di CW (che era pur sempre un ostacolo, ma davvero non sufficiente a ciò che sto dicendo); parlo dell'azione di formazione che svolgeva l'ARI nei suoi corsi, nel suo aggregare, nel suo fare da punto di riferimento.
Quando l'ARI è stata ammorbata a morte dal fetore di imbroglioni e ladri che l'anno ridotta a cumulo di macerie da cui l'attuale CD credo stia cercando (non so con quali effetti) di uscire, dove stava questa gente che oggi alza la voce?
Quando c'erano azioni legali e ruberie varie ogni giorno, ongi mese. 
Quando gli articoli pubblicati sono iniziati ad essere di una noia unica perché parlano solo di intefaccie, di cavolate varie e poco oltre e si vanno a rinvangare o i numeri di 50/70 anni fa ovvero trattazioni teoriche che interessano solo 5 persone che non le posseggono sui loro libri se proprio vogliono, e che si usano solo per riempire una Rivista che di Radiantistico ormai ha proprio pochissimo.
L'ARI ha iniziato a morire e il risultato si vede anche in aria. 
Mi auguro e spero tanto che questa tendenza si inverta, ma di certo oggi siamo messi malino. 
Ma il fetore del marcio nessuno lo ha mai denunciato così apertamente, però si polemizza su un post diciamo superficiale?...certo, ma direi che è il male minore.

Non si riesce a mettere insieme 5, dico CINQUE, autocostruttori e farli parlare di tecnica, perché ormai ci si iscrive dove non si paga, ma poi, non si porta alcun contributo, però...non si sa mai...
Nell'INORC in due anni c'è stata una faida infinita fra gente che doveva essere unita da un lavoro romatico o comunque unico, che aveva svolto per una vita, e da una passione per il CW che dovrebbe unire. 
Invece si sono accoltellati fino all'altro ieri, come se dovessero sopravvivere con l'ultimo osso nel deserto. 
RIDICOLI E PENOSI.
Il QRP è ridotto per la gran parte a gente che compra e usa FT817 o simili, ovvero  kit (ritenendosi autocostruttori) o apparati cinesi o altri SDR dell'Est Europa o altro e che si scatena a operare, ma un circuito cretino come un TX OXO mette paura e non se ne parla.
I dipoli si comprano, non dico le antenne verticali; addirittura ci si fanno installare dalle ditte specializzate: manco due pali tv si mettono più in piedi (in generale dico).
Si attacca un PC alla radio e si fa fare a lui il QSO, il log viene implementato in automatico, e poi...ci si crede che SI E' FATTO QSO.
Cos'è se non ridicolo e penoso questo?

Ma tant'è, questa è la vita a cui si è permesso di prendere piede anche nell'ambiente Ham, non si può oggi scoprire (e scandalizzarcisi) che c'è chi dice che la radio per lui è un hobby. E' stata fatta diventare tale, con il concorso di tutti NOI.

E allora almeno si smettesse di usare un forum solo per inveire nemmeno sul medesimo post, ma aprendone altro simile...

Questa non è Radio o Ham, questo è un crepuscolo, mi spiace, può dare fastidio, ma è da struzzi alzare la voce e non volerlo vedere. 
Ed è un vero peccato.
Si riaccendessero un po' di saldatori non per saldare bocchettoni e spinotti.

Ah già scusate...c'è il lavoro e la famiglia e quanti altri c... :si deve avere il pronto e subito.
Tra poco avremo il take away della radio (quella però con la "r" MINUSCOLA).

Quando ancora pochi Mohicani continueranno a fare Radio, (quella con la R maiuscola!), almeno qualcosa sopravviverà e certo non grazie alle polemiche, ma MALGRADO esse.


martedì 19 giugno 2018

Piantiamola di essere "politically correct" ovverosia ipocriti

Mi sono proprio rotto le scatole (potrei essere più concreto, ma per ora salviamo la forma...và...) di questa mania di essere non eccessivamente chiari e schietti, di chiamare le cose non come sono, ma come crediamo/speriamo che offendano un po' meno.

Leggo in continuazione su vari forum o articoli di alcune Riviste, articoli che dicono ma non dicono: 
si parla di potenze elevate oltre il legale,  ma non si possono fare i nomi di chi le usa, perché se no..quelli si risentono; 
si parla di autocostruzione descrivendo invece degli assemblatori di kit, ma non si possono definire come tali, appunto, degli assemblatori, perché se no, poverini, ci rimangono male;
si parla di gente che si nasconde dietro alla famiglia, al lavoro, alle mille cose che ha da fare, per non avere il tempo di costruire un circuito fatto da due stadi, ripeto DUE STADI e metterlo on air. 
Non si può, anzi non si deve dire che manca la voglia, no! E' sacro dire che ci sono altre priorità...
Peccato che quaranta anni fa c'erano altrettanti radioamatori con altrettante esigenze famigliari e di lavoro che magari per fare detto TX impiegavano due mesi, e non due giorni, ma nessuno diceva che "non poteva", aspettava i DUE mesi, era normale avere pazienza.

Oggi il QRP si fa COMPRANDO un apparato fatto e progettato da altri, spendendo soldi per detto e..anche per l'antenna, molto spesso. Un dipolo lungo 20 m di filo, si compra, non si assembla più. L'ATU si prende già fatto, e così via. Si va in giro o si mette in casa accanto all'apparato prestigioso, spesso SDR e si fa qualche collegamento usando 5 W.
Quello non è FARE QRP, quello è "collegare usando 5 W"! 
Il QRP è una scelta di modo di uscire in aria, forse masochistica, forse non condivisibile, infatti non è obbligatoria per nessuno, ma è UNA SCELTA.
G3RJV il reverendo George Dobbs, fondatore e motore del G QRP Club, usa questo modo di fare da oltre QUARANTA ANNI; la medesima cosa l'ha fatta George Burt GM3OXX ovvero W7ZOI, ecc.ecc.
Quello è QRP!

Oggi c'è gente che attacca il PC alla radio e usa l'FT8, l'apparato-radio va in automatico e l'operatore (ma de CHE?!!!) osserva il PC pilotare l'apparato ricetrasmittente e poi si vanta di avare collegato quel tale Paese o quell'altro?

E questo è il radiantismo che vediamo avvenire davanti a noi, in massima parte.

MA !

Ma c'è un esiguo e nascosto numero di individui che hanno a cuore il proprio anelito a capire, crescere, imparare, la formazione di se stessi, mediante la pratica dilettantistica (quindi NON professionale) della Radiotecnica e si dilettano in tanti modi, QRP, EME, altro che ora non so dire.
Sono pochi e nascosti, non hanno nessuna necessità di apparire e mettersi in mostra, sono Uomini, sono individui che hanno palle e non hanno necessità di dire "io qui e io là", molto spesso li conosce solo la ristrettissima cerchia dei propri amici e basta.Non hanno diplomi o vincono contest, gbasta loro il FARE, l'ESSERE e non gli serve il mostrare.

QUESTI sono Radioamatori. Per me.

Una NICCHIA forse, ma fatta di esseri umani e non di banali e stupidi consumatori che sanno solo aprire il portafoglio e blaterare del tempo che non hanno perché....ecc. ecc. ecc.


In montagna.

C'è gente che SCALA, suusa chiodi, usa friends, usa nuts, percorre vie chiodate e non spittate! Rischia l'osso del collo, ma attrezza soste su due chiodi o su un chiodo ed un masso; sale anche 20 m senza una protezione, forse su cime secondarie, sulle vie meno famose, evita le vie di grido, le Torri del Sella, il Vajolet, il Falzarego, magari va in Moiazza, va sulle Alpi Giulie, magari va nelle valli sconosciute delle Alpi Centrali e magari si fa male ogni tanto. Ma AMA scalare.

C'è una moltitudine di gente che sale vie spittate a più non posso, fa la fila sullo Spigolo della Delago, come imbecilli: la fila su una via di roccia! 
C'è una moltitudine che sale il Sella dalla Tridentina e poi si vanta di aver "scalato".

Poveri mentecatti!

C'è gente che tromba bambole di gomma o si fa le seghe (quanno ce vò ce vò, scusate!) davanti allo schermo di un PC. 
Ma FARE l'AMORE, o AMARE è BEN ALTRO è TUTT'ALTRO!

Chiamiamo i segaioli come devono esser chiamati, quelli che salgono per le ferrate come escursionisti esperti, quelli che assemblano un kit come ASSEMBLATORI, e chi compra un apparato commerciale come UTENTE e non ci vergognamo di essere schietti e non dei meri ipocriti per secondi fini!

Una volta nella vita siamo sinceri, moriamo sinceri e non politicamente corretti e se ci scoccia stare in mezzo alla melma, stiamone fuori, ne giova la salute.




mercoledì 2 maggio 2018

Pensieri sparsi (parte 1)



Di recente mi è capitato di avere contatti seppure informatici con uno dei “nomi” (purtroppo pochi rimasti) del radiantismo italiano: I2SG, Gianfranco Sabatini a proposito di un oggetto che credo abbia poco mercato e che invece io mi sono sbrigato a cercare di accaparrare perché possibile nucleo di una futura realizzazione. 
Non ho mai avuto la ventura (fortunato o meno non potrei mai dirlo) di conoscere di persona I2SG, ma lo conosco, indirettamente, perché per diversi anni abbiamo scritto articoli sulla medesima rivista (RKE).

Spesse volte ho saltato i suoi scritti quando riguardavano le frequenze elevate, argomento a cui si è dedicato proponendo invero una produzione sia teorico-progettuale, sia realmente pratica, notevole. Non che il mio fosse un atto di arrogante superbia, bensì esclusivamente derivato dal mio non interesse per la materia, in quanto sono nato radiantisticamente parlando nelle HF e pare che così ancora vada, dopo oltre 45 anni di Passione, quindi già i 50 MHz per me sono “frequenze elevate”...hi

Ma quel che mi colpì già tempo fa di ciò che scrive/va Gianfranco, erano la sua opinione ed il suo pensiero riguardo quella che è l’essenza dei radio-appassionati nostrani.


Cito e mi soffermo su un paio di frasi:

<< Coloro che impiegano apparecchiature moderne …., appartengono alla folta schiera di 'utenti' per un'attività di svago e divertimento, trovandosi all'ultimo anello di una catena di dipendenza tecnologica e ben lontani da attività di arricchimento culturale. >>
.
<< Riappropriarsi del ruolo ponendo al centro dell'attività radiantistica la propria persona per lo sviluppo ed accrescimento delle capacità intellettuali e manuali >>

(Lo scritto originale è disponibile qui)

Ecco, questo è il pensiero che da molto tempo vado esprimendo anche su queste povere pagine e che trovo pressoché disattese nell’ambiente nostrano, fatto per la gran parte di persone affascinate mentalmente ed essenzialmente da tutto ciò che è moderno ed attuale, ma assai poco dall’aspetto tecnico di ciò con cui hanno a che fare, quanto invece da quello dell’utilizzo (dopo quello dell’acquisto e del possesso).

Al di là del ribadire un pensiero personale, rileggere le parole di Gianfranco mi ha portato a pormi qualche domanda (vivere senza farsi domande e ritenendo solo di avere certezze o vivere bovinamente non lo considero tale, ma un mero soprav-vivere).

La questione che mi sono posto è stata la seguente.
Se un tecnico di esperienza come I2SG dice cose analoghe a quelle che penso io, eppure è persona che mai ha volto le spalle al progresso, alle nuove tecnologie come ai nuovi orizzonti del Radiantismo, vuol dire che non è affatto corretto vedere la questione come una mera contrapposizione fra due “mondi”: quello del tradizionale analogico-vintage-vacuum-simple homebrew” (mi si perdoni il finto neologismo) vs il moderno, frequenze elevate ed elevatissime, microonde per intenderci, con tutto l’annesso, il cosiddetto “futuro” per dirla con termine usato da Gianfranco stesso nelle sue pagine web

La questione è quella che lui cita credo sia ben sintetizzata citando ancora le sue parole:

<< ...oggi in un moderno apparato se per qualsivoglia ragione il sistema operativo è perso , non si è nemmeno in grado di accenderlo e se le chiavi soft risultano corrotte bisogna risalire sino alla sorgente
- sempre a scatola chiusa - senza avere la pur minima conoscenza o semplice percezione delle tecnologie e tecniche coinvolte. >>

<< Il radioamatore nei confronti delle apparecchiature moderne si trova quindi all'ultimo anello di una catena di dipendenza tecnologica : a lui è riconosciuta, de facto e solo in parte, una competenza : l'uso.
Il radioamatore quindi è gradualmente evoluto verso la figura di un 'utente' per un'attività di svago e divertimento e poiché la ragione d'essere dell'industria collegata esiste finché gli 'utenti' costituiscono un mercato sufficientemente vasto , questa si è ingegnata per offrire prodotti sempre più appetibili , sempre più automatizzati e 'user-friendly' per abbracciare mercati sempre più vasti. >>

<< Chi invece privilegia il fatto d'ottenere risultati col frutto del proprio lavoro e d'essere in grado in ogni momento di mettere mano all'attrezzatura che ha sul tavolo , tararla , fare opera di manutenzione e riparazione, eseguire confronti con competenza, modificarla o migliorarla, pone in altri valori la sua ragione d'essere OM. >>

Quindi la sostanza non sta nel moderno o meno, ma nel COME si vive ed affronta l’attività radiantistica, quale essenza se ne coglie e quale sostanza ne consegue nel personale esistere che un appassionato di Radio riceve da queste attività.

Quindi alla fine il nocciolo sta sempre là, (qui il discorso esula dal campo radio, e sfocia in quello assai più vasto dell’esistenza umana): quale è il senso di ciò che si vive e fa ? Quale senso dò IO STESSO alla mia esistenza, al mio agire, al mio essere, interagire con altri miei simili, al mio tempo, preso singolarmente istante dopo istante?

Posso sempre scegliere, se essere (seppure umile) attore, libero mentalmente, o perlomeno, abbastanza indipendente, oppure adagiarmi nel branco e nell’ovile, serenamente protetto dalla massa attorno a me e non stare al freddo ed allo scoperto, nella relativa solitudine del lupo.

Concludendo: nulla accade a caso, (Einstein diceva che Dio non gioca a dadi con l’uomo), questo incontro occasionale con questa Figura del nostrano radiantismo, è stata fonte di riflessione costruttiva e di accrescimento personale; mi ha aiutato a chiarire qualche domanda personale e al tempo stesso mi ha rinfocolato convinzioni che avvertivo radicate e ben certe, seppure forse non intendendo bene da dove essere derivassero, (ritenendomi solo un acido e un po’ asociale appartenente a razza in via di estinzione).

martedì 13 marzo 2018

Perché amo "un certo tipo" di Radio-apparecchi

 
...oppure "certi tipi di layout" insomma un certo modo di fare radio.
Per "fare" Radio si può intendere il costruirle e anche l'atto di utilizzarle: quindi "fare Radio" è tutto.
Intendo dire che sia un TNT Hartley , che siano radio a stato solido alla maniera di alla WA7MLH, insomma un "certo modo" di certo non tradizionale, forse anche non eccelso esteticamente, ma DIVERSO.
Questo modo mi piace, anzi, mi entusiasma, mi fa sentire meglio di sempre, meglio ancora di quando avevo 16 anni ed iniziavo, ma non sapevo come e cosa fare, potevo solo stare a guardare col naso attaccato alla vestrina del negozio "Alta Fedeltà" a Corso d'Italia, a Roma, proprietà di Alessandro federici, I0HF, e sognare.

Nelle mie fantasie di vita agreste, io sogno e voglio e desidero, la casa di tronchi, alla Thoreau in "Walden, vita nei boschi" non mi interessano le pareti bianche, lisce e pulite, ma la sostanza la "vita" per me vera, tangibile e forse ruvida. 
Ognuno di noi vuole una certa "sostanza", dalla vita e nella vita, ma non sempre ce se ne rende conto e ne siamo pienamente coscienti.

Quella SOSTANZA è quella che abbiamo dentro, nell'animo e nel cuore, insomma nel nostro profondo e cerchiamo di risuonare con quella esterna, che ci circonda.
La scatola della radio liscia e anche senza pulsanti di un SDR è quanto di meno umano e personale che possa esistere per una radio e per me. Esattamente come spiantare un umano dalla sua terra e mandarlo a lavorare altrove....costringelro a taglire se stesso dalle sue radici, con il miraggio delle migliori opportunità, dei soldi, del moderno, per..progresso (a tutti i costi, senza ragionare se veramente ne valga la pena).

Il frontale della radio con le manopole, fatto ed ideato DA ME, è quanto di più NOSTRO sia fattibile. Non solo realizzato materialmente, ma anche e soprattutto IDEATO, prima pensato e poi realizzato: a misura nostra. 
E' una estensione di noi stessi.
 

Importante non è quindi fare il contest, o i DX, bensì USARE il contest, ovvero quel che sia sia, per coronare un test, una prova, per dialogare con un altro umano, per arrivare a quel risultato che non è dire "ammazza quanto sono bravo a costruire, progettare, realizzareuna radio", bensì sapere e sentire "quanto è bello mettermi in contatto con un altro essere UMANO, specie se è anche affine a quel che sono io".
Per questo non serve una radio BELLA, ma una Radio NOSTRA, sentita, vissuta, lavorata, FATTA a nostra immagine.
Le manopole, gli strumenti di msura, l'occhio magggico, la scala di sintonia, TUTTO è parte di un tutto e a noi quel tutto serve per respirare e vivere, perché se no moriamo, dentro e ...fuori.
Un amico, tal I0KWY da non so quanti decenni ha una radio RTX costituita da una serie di scatolette cablate insieme, e messe sul suo tavolo. Con questa fa Radio, fa DX, vive la "sua Radio". Non si può dire "una bella radio", ma sono convinto che per lui sia "l'unica".

E' chiaro che il progresso esige e comanda:  stato solido, SDR, SMD, DDS, uP, e quanto ancora. Ma mai ci si sofferma a chiedersi se e quanto tutto ciò ci faccia stare bene, essere noi stessi, stare VERAMENTE BENE.
Discorsi stupidi ed inutili se si parla con gente che sa solo contare le QSL o i DX, ma discorsi che a mio parere hanno un senso se solo ci si ferma un attimo. Anche se poi per decidere che è troppo complesso complicarsi la vita e l'hobby.

Per me non è un hobby, è un parte della mia esistenza che mi porto con me stesso da oltre 40 anni e che è me stesso ed in cui io sono me stesso e che mi porterò nella tomba. Non vuol dire che mentre collego una stazione mi faccia mille seghe mentali, ma alle volte mi fermo e rifletto e mi faccio domande, convidisibili o meno, ma sono le mie personali.

E quindi la radio anche brutta, ma fatta da me è l'unica cosa che mi renda in equilibrio e le manopole ne fanno parte. Manopole che abbiano senso, non per regolare il tono dei bassi o degli acuti (ma credo che quelli si regolino solo attraverso dei menù....).
E per stare bene non mi serve collegare un  DX o piazzarmi in un contest a fare un QSO fatto bene, una chiacchierata con un altro essere umano.
Poche semplici cose.


« Lavoravo su un bel fianco di collina coperto di boschi di pini, attraverso i quali potevo scorgere il lago e un campicello aperto in mezzo ai boschi, dove crescevano pini e noci americane. Nel lago, il ghiaccio non s'era ancora disciolto, sebbene ci fossero spazi aperti, e tutto era di colore scuro e saturo d'acqua. Ci furono leggere tempeste di neve, i giorni in cui lavoravo in quei luoghi, ma quando, tornando a casa, uscivo di là e mi dirigevo verso la ferrovia, i gialli monticelli di sabbia si stendevano scintillanti nell'atmosfera un po' nebbiosa e le rotaie rilucevano nel sole primaverile, e allora io udivo l'allodola, il vanello e altri uccelli che erano già venuti a cominciare un altro anno con noi. Erano bei giorni di primavera, nei quali «l'inverno dell'umano scontento» si sgelava come la terra, e la vita — che fino allora aveva torpito — incominciava a risvegliarsi. » 
(H. D.  Thoreau - Walden ovvero vita nei boschi -)












giovedì 1 marzo 2018

Autocostruire (per me) è anche un po' un dovere morale ed etico

Non c'è niente da fare il gregge della massa viene guidato entro recinti in cui crede di star bene e quindi ci va dentro contento  e felice, ma non capisce che là si va a far lobomotizzare e castrare.
Progettare o anche solo copiare schemi altrui se proprio ci fa paura  la parola "progettare", oggi , è fattibile e avendo la pazienza e la volontà di cercare componenti e dritte, alla fine si fabbrica una radio come la vogliamo noi e per le nostre esigenze.
Questo lavoro ha come "valore aggiunto", l'esercizio della intelligenza, della mente, dell'inventiva, insomma esercizio mentale che fa solo bene;  poi c'è la soddisfazione di collegare qualcuno con qualcosa di fatto da noi.

MA NON E' L'UNICA COSA IMPORTANTE.

Oggi tutti parlano di "sostenibilità" e di "consapevolezza", ma poi quanti realmente riescono a fare anche solo qualcosina per questi due fini?
La Radio non è fuori dalla politica e dalla vita qutidiana e sociale, a meno che non crediamo alla favola che questo ambiente sia fatto di gnomi e fate e che siamo tutti belli e bravi. 
Macché: basta leggere annunci sul sito italiano di presunto riferimento, dove dei mentecatti chiedono prezzi che sono un insulto all'intelligenza, per apparati di 40 anni, ma "pari al nuovo". Oppure le Riviste tutte sono pregne di pagine di pubblicità per cui fare l'OM oggi è sinonimo di comprare.
Inoltre, per noi Italiani, c'è una situazione tale che stiamo vivendo sulla nostra pelle lo spellamento del nostro tessuto, tutto: Stato ed infrastrutture, stato sociale, e industria, i beni sono espropriati e venduti o s-venduti da politici venduti al denaro e gratifiche che non ci è dato sapere, ma che vendono ciò che in 30 anni circa, dopo la Guerra, era stato costruito e realizzato dai nostri padri, dopo la rovina della Guerra Mondiale.
Essere Radioamatore non vuol dire essere un demente che vive altrove, bensì essere un fortunato che vive purtroppo in questi tempi, ma ha anche una Passione a cui chiedere consolazione e una via di fuga, ogni tanto, da una realtà di certo non rosea, e...anche un modo dove esercitare quel che la coscienza (se ne ha ancora) gli suggerisce.

Comprare, essere un mero e banale consumatore è come essere una bestia da macello, andare al macello contento e illuso di essere esente da..., è lasciare ai figli un mondo in cui la merda dei rifiuti cresce a dismisura e nessuno si crea il problema, di dirsi "ma IO cosa faccio?".
Ci basta che il nostro Comune, cioè chi ci "dirige"...ci molli la "differenziata" e tacitiamo la coscienza.
Ma poi? Che altro si fa? Si continua come nella Roma Imperiale con gli eserciti del Nord alle porte, illudendosi di farla franca, bevendo e brindando o affogando nel sesso.
Il conto arriverà prima o poi e se non a noi a chi ci segue: la coscienza è ancora a posto? Facciamo figli e li mandiamo al macello, o peggio alla rovina?

Non voglio scrivere un trattato perché non è questa la sede, ma dire che anche nell'essere Radioamatore posso fare piccole e banali cose che vadano controcorrente; e se poi vengo ritenuto solo un brontolone, lo scrivo chiaro "STI-CAZZI", faccio i conti con la mia coscienza e non con l'opinione degli altri su di me, meglio brontolone che prova a fare qualcosa piuttosto che silente ed allineato imbecille (sempre parlando di me stesso, poi ognuno si guarda al proprio specchio).

Autocostruire vuol dire togliere il mio contributo a quel filo che lega i consumatori al mondo della produzione di apparecchiature belle, tutte simili fra loro, e di fatto molto omologhe e che come prestazioni non è che poi siano apprezzate realmente. Togliendo la possibilità di variare i toni della modulazione, la possibilità di gestire filtri digitali, alla fine i nostri apparati devono fare i conti con il noise di banda che ora è anche maggiore rispetto a tanti anni fa e quindi digitale o meno, il RX deve avere a che fare con problemi endemici delle frequenze su cui andiamo ad operare, il digitale non le risolve.  
Se andassimo a ricevere o trasmettere fuori dalle fettine di frequenza assegnate agli Ham, troveremmo molto meno noise, perché non c'è quella bagarre normale che è fatta di DX, petulanti richiedenti il QSO-DX, contest & c. varia. se andate a fare ascolto ad esempio su 5.5 MHz il noise è ben diverso che a 7.025 MHz, in quanto c'è meno casino. 
Un ricevitore regen funziona esattamente come una superhet, se ben realizzato e dotato di preselettore, forse anche meglio, ha meno noise intrinseco!
Questo per fare un esempio banale, ma reale.

Allora anche sui 7 MHz, in banda, ieri sera con 4W o poco più, ho fatto 15' di chat con una stazione DL, su mia chiamata...raccontandoci diverse cosette, eppure avevo un TX banalmente fatto di tre stadi a transistor e un ricevitore col Q Multiplier e le 6SK7 come amplificatrici di IF.
Autocostruire significa non aiutare il sistema che vuol farmi credere che se ho l'ultimo RTX vado meglio, sgnifica valorizzare ciò che ho e ciò che posso fare io, significa valorizzare l'individuo umano che sono IO. 
Il Vintage consiste  spesso nell' accumulare apparati, metterli lì per sentirsi belli e bravi per il mero fatto di "possedere", e non è sempre amore per certe cose. Sono piuttosto rari i casi di coloro che "amano" le loro Radio per motivi i più disparati possibili: siamo spesso narcisisti che vogliono solo apparire, mostrare. E quindi costruire, per il mio piccolo iniquo e banale mondo personale, è l'unica via, l'unica maniera che mi consente di avere una coerenza di ciò che faccio  con ciò che sento e provo nel cuore e nell'animo.

Ho famiglia, ho un lavoro e non vivo di Radio, ci ho messo oltre UN mese a fare prototipo e bella copia del TX per tirare fuori 4/5 W out, ma ci sono riuscito e non ho avuto bisogno di pagare un kit. Ho fatto errori, ho passato del tempo anche frustrato da risultati non subito pari alle necessità o alle aspettative, ma l'ho fatto e non perché sia un igegnere, ma perché amo la Radio, questa Radio!

Si può fare, se si vuole. Se no ci si continua a raccontare cazzate sui motivi per cui OGGI non si può. Ma sono solo scemate, sarebbe molto più onesto dire "non mi va". Ma la sincerità è difficile, specie con se stessi, lo so bene. Ne sono una grande vittima.


giovedì 22 febbraio 2018

Che senso ha essere sempre all'avanguardia



Prendo lo spunto da un episodio di qui sono stato testimone e di cui in parte ne ho subito le conseguenze. 
Per sfuggire alla morsa quasi inevitavile del "moderno ed attuale ad ogni costo", di fatto si è chiuso uno spazio di discussione fra pochi amici, che aveva il pregio di consentirci di dialogare di tecnica, se volevamo in tempo reale, ma anche di assistere semplicemente ed apprendere dal mero ascolto. 
Il tutto perché il vero animatore, l'anima e il motore reale del tutto, è andato un po' in crisi dopo essersi reso conto di certe realtà da cui siamo circondati e da cui di fatto non è veramente possibile sfuggire: l'onnipresenza del digitale, dell'informatica e quant'altro il mondo attuale ci "offra" come specchietto delle allodole, e che in realtà serve a costruire lentamente, ma gradualmente, una sorta di gabbia dorata in cui farci esistere/sopravvivere per svolgere la nostra funzione di moderni schiavi: lavorare, consumare, spendere, ma non dare fatsidio.

Questo passa per vari stadi o vari scenari: ad esempio la vaccinazione obbligatoria dei figli: se non li vaccini sei TU pericoloso! Assurdo, se io non mi vaccino sono IO a rischio di ammalarmi e non tu che sei vaccinato: ma non lo dice nessuno!
Altro scenario: la connessione continua e ad oltranza sempre e ovunque: di fatto siamo controllabili fin nelle nostre abitudini personali, ed al bisogno orientabili dove la "corrente di pensiero" decide/rà.

Per far ciò tutto è utile, ma soprattutto mettere a disposizione GRATUITAMENTE (quindi appetibile all'umano medio) una serie di strumenti: Facebook, What'sUp, ecc.ecc (ma possiamo aggiungere, email, connessioni nei luoghi pubblici, memorizzazione dei dati, tipo Dropbox, ecc. ecc. ecc.)
Questo porta al rincoglionimento collettivo, alla atrofizzazione del cervello ed alla perdita di capacità di discernimento e quindi di ragionamento, ergo alla possibilità di essere addomesticati meglio. 
Se il tutto migliora (dal punto di vista della perversione) nel tempo, tra 20/30 anni avremo gente che non vota, ma compra quel che gli si dice di comprare, spende dove altri decidono, e lavora fino alla morte. 
E questo anche negli hobbies.

Tant'è che oramai assemblare un kit è normalmente considerato AUTOCOSTRUIRE. Ma d'altra parte in una società in cui chi raccoglie monnezza viene appellato come operatore ecologico, che non so cosa ci azzecchi con l'Ecologia, possiamo anche considerare che l' ASSEMBLARE un kit venga denominato autocostruzione.
Anche se AUTO-COSTRUIRE non vuol dire ASSEMBLARE, bensì costruire in autonomia e possibilmente anche sperimentando le soluzioni circuitali. Assemblare è, invece, mettere insieme, componenti messi in uno o più sacchetti da altri, su un circuito progettato da altri.

Anche usare un DDS gradualmente ci porta a perdere parte della nostra autonomia. Un DDS non è progettabile da parte di chiunque, non si può sperimentare così tranquillamente, si deve sapere di software, di programmazione di uP. 
Un VFO non comporta ciò.
Ma gradualmente il DDS è diventato il moderno VFO.

E così via.

E quindi ascolto di gente che pensa di fare QRP perché mette un PC a fare i QSO per lui, ma usa pochi W.
Che cretinata: il QRP è tutt'altro! Ma ormai si gioca sul doppio senso di parole e concetti e la maggioranza si beve tutto bovinamente, e guai a dirglielo, si offendono e passi tu da "strano" e se lo dici, sei quello che brontola o forse dà anche un po' fastidio. Questi  hanno famiglia, lavori e tante altre cose da fare, mica possono "perdere tempo" a sperimentare, però fanno i radioamatori, non sia mai gli dici che sono UTENTI!


E noi... ci siamo giocati quello spazio dove tranquillamente si discuteva di soluzioni che potevano essere digitali come NON, di Radiotecnica come di hardware. Perché il tutto poteva essere invadente, o meglio: invasivo. Ed ora una email ogni tanto, senza calcolare che per email non è lo stesso. Tanto vale staccare telefoni o luce elettrica, le candele sono più romantiche e non si rischia di stare davanti alla TV....

Credo che questo dovremmo fare invece: coltivare l'intelligenza, imparare e sforzarci di essre NOI i guidatori dei moderni strumenti, ed essere consapevoli che questi possono, ripeto POSSONO diventare loro i padroni, MA solo se IO glielo consento!
Ma tutto ciò comporta fatica, esattamente come progettare un banale DC receiver, trovando soluzioni hardware e i componenti, provadoli e facendo esperimenti: fatica e tempo! 
Ma l'umano da Dio o da chi si vuol credere, ha avuto questo dono/dovere: comportarsi da umano da essere intelligente, che usa dell'intelletto e del cuore e ne fa buon uso, esattamente come i talenti messi a tesoro dal servo fedele e saggio. Non dobbiamo sotterare i talenti e tenerli buoni per restituirli al padrone quando ce ne chiederà conto, ma farli fruttare e per far ciò si corrono rischi, si fa fatica, si suda.

Ma così va il mondo e quindi si accetta, si sopporta, esattamente come quando cade la pioggia. Quando queste cose accadono: si osserva, bonariamente, si vuol bene ai soggetti che fanno tali alzate di cresta e saggiamente, si continua a fare, saldare, progettare, condividendo in modo intelligente, cercando di discernere il modo meno sbagliato, facendo errori, umanamente, ma cercando di crescere ed onorare i doni/talenti.
Lasciando al tempo il compito di far capire e addolcire e limare spigoli e rugosità e sperando nella saggezza che torni. Sperando che prima o poi i soggetti imparino anche ad ascoltare.

Altrimenti?    
Si accenderà la candela, tanto è romantica e fa luce,; ci penseranno altri a reinventare la ruota e la lampadina e noi moriremo illusi di avere fermato il mondo.

(un DDS ogni tanto non fa male, è il credere che SOLO il DDS sia un VFO che è cretino ed è da cretini...)